Download E-books La bella vita: Marcello Mastroianni racconta (BUR Saggi) PDF

By Enzo Biagi

"Ci sono dei geometri che hanno avuto più storie di me": un’affermazione che non ci si aspetterebbe da Marcello Mastroianni, una carriera fatta di più di a hundred and sixty movie e una reputazione da latin lover. Eppure si apre così questo libro che Enzo Biagi dedica a uno dei più grandi attori italiani, tanto in step with chiarire fin dall’inizio che in queste pagine non si troveranno facili luoghi comuni, ma le parole di due amici che rievocano con serenità persone e tempi lontani; los angeles "bella vita" di un uomo fatta di passioni e di tristi addii, piena di incontri e di solitudini. Vedremo un ragazzino di nome Marcello che versa, in line with renderla più fragrante, alcune gocce di profumo su una rosa prima di regalarla a una fidanzatina e lo ritroveremo attore famoso, protagonista di capolavori come los angeles dolce vita, circondato da donne indimenticabili come Silvana Mangano, Anita Ekberg, Sophia Loren, Faye Dunaway e Catherine Deneuve. Enzo Biagi è regista di un grande movie da leggere nelle pagine di un libro.

Show description

Read Online or Download La bella vita: Marcello Mastroianni racconta (BUR Saggi) PDF

Best Biography books

Flint and Feather: The Life and Times of E. Pauline Johnson, Tekahionwake

A swish biography that used to be a number 1 nationwide bestseller, Flint & Feather confirms Charlotte Gray's place as a grasp biographer, a author with a unprecedented reward for remodeling a old personality right into a residing, respiring girl who instantly captures our imagination.

In Flint & Feather, Charlotte grey explores the lifetime of this nineteenth-century daughter of a Mohawk leader and English gentlewoman, making a attention-grabbing portrait of a tender girl both at domestic at the degree in her "Indian" dress and within the salons of the wealthy and robust. Uncovering Pauline Johnson's advanced and dramatic character, Flint & Feather is studded with triumph and tragedy, secret and romance—a high-quality biography mixing turn-of-the-century Canadian heritage and the colourful tale of a lady whose unforgettable voice nonetheless echoes over the years.

Joan of Arc: A History

From the writer of the acclaimed She-Wolves, the advanced, incredible, and fascinating tale of 1 of the main impressive girls of the medieval world—as by no means advised prior to. Helen Castor tells afresh the gripping tale of the peasant lady from Domremy who hears voices from God, leads the French military to victory, is burned on the stake for heresy, and at last turns into a saint.

Machiavelli and Renaissance Italy

Machiavelli’s books can be judged, as all books has to be, all alone advantages, yet with no wisdom of the situations during which they have been produced they can not be effectively understood. The reader of any of them needs to ask : What was once its function? For what viewers used to be it written? what kind of adventure used to be the writer drawing on ?

Billie Holiday: The Musician and the Myth

“Revelatory . . . probably the most quickly revealing items of jazz biography that I’ve learn. ” —Richard Brody, the hot Yorker   while Billie vacation first stepped right into a recording studio in November 1933, it marked the start of what's arguably the main amazing and influential occupation in twentieth-century renowned song.

Extra resources for La bella vita: Marcello Mastroianni racconta (BUR Saggi)

Show sample text content

Ricominciava dopo una lunga sospensione. Parlammo sul palcoscenico, nella scena grigia e un po’ triste del copione che stava recitando. L’interno della stanza piccolo-borghese di un anziano professore che sta vuotando i cassetti del comò: il figlio gli ha spiegato come sarà bella los angeles vita nella cosiddetta casa di riposo: perché dovrebbe rimpiangere quella che sta in line with lasciare? È una affermazione di Marcello: �Se non ho un po’ di pepe al culo non mi diverto, devo correre dei rischi, se no diventa routine». los angeles confessione di una rivincita, di sicuro sul male. �Devo ammettere che sono arrivato più caricato di quando ho cominciato. Tanto è vero che alla prova generale dissi: “Questa sera sono stato molto bravo”. �Forse proprio in step with effetto della malattia mi sono sorpreso a ripetere le battute, come fossero una canzoncina. Poi ho riflettuto: probabilmente è dovuto al fatto che tornando davanti al pubblico volevo impormi, cancellare ogni ombra, guardate che io sto bene, non sono un fenomeno da baraccone. �Allo scadere dei settanta è stato un anno brutto according to me. A Parigi caddi consistent with le scale del consolato italiano e mi ruppi sei costole, perforai l. a. pleura, poi ernia del disco, diabete, labirintite, tutto. �Ma, ascoltami, io vedo un lungo movie che è cominciato tanti anni fa e non è ancora finito. Quelli che ritrovo più vivi sono i ricordi della prima adolescenza, della giovinezza, le condizioni di casa un po’ precarie, neanche un po’: molto. �Ma del resto questa period los angeles situazione della maggioranza degli italiani: le discussioni su come pagare l. a. bolletta della luce, poi l. a. guerra, nella sua brutalità: ma quando si hanno diciotto anni è anche una grande avventura. Quando suonava l’allarme mia madre diceva: “Prendiamo l’argenteria”, che si riduceva poi a sei cucchiaini da caffè. Facevamo l. a. corsa a chi arrivava primo al rifugio. Tutto un gioco. �Sono queste le storie che hanno segnato di più l. a. mia vita: più del cinematografo, della popolarità, dei soldi, delle persone. Sono sempre quelle legate alla scuola, anche ai balilla, ai compagni, alla mia famiglia. Sì, anche alla guerra. » — E alle donne? Sei stato perfino Valentino. �Sì, ma sempre con tanto distacco, in keeping with carità. Venne a vedere lo spettacolo Gloria Swanson, mi raccontò che Rudy period un uomo molto simpatico, specialmente quando sorrideva. Ma anche molto solitario: con i suoi amici italiani, i cavalli, il cibo. E mi regalò un frustino con l’impugnatura d’argento, con l. a. lettera V, Valentino. �Le donne? Mi hanno dato amore, certo. Forse io ne ho dato meno. Ma forse questo è dovuto alla nostra natura, l’attore è fatto così, vuole essere sempre al centro dell’interesse, è, come dicono i francesi, l’enfant gâté, il bambino viziato. E secondo me è meno capace di offrire amore perché è tanto amato. Mi hanno offerto di più, tanto è vero che poi sono stato liquidato un paio di volte. Eh, sì, perché dare è dare, ma fino a un certo punto. » Parlavamo come se fossimo soli, senza imbarazzi. — Che cosa ti manca, Marcello? period sereno, distaccato: �Niente, non mi manca niente.

Rated 4.51 of 5 – based on 35 votes